Visitatori


mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi26
mod_vvisit_counterIeri35
mod_vvisit_counterQuesta settimana94
mod_vvisit_counterScorsa settimana340
mod_vvisit_counterQuesto mese538
mod_vvisit_counterScorso mese1584
mod_vvisit_counterTotale210220

Ci sono online:  4 persone 
Oggi: Dec 13, 2017

CENNI STORICI

LA PARROCCHIA

Nel 1631 il Consiglio di Rezzato deliberò la costruzione di una nuova parrocchiale che rispondesse alle esigenze del culto per il continuo incremento demografico. Il nucleo centrale risale al 1310 ( di cui oggi si può ancora ammirare il campanile), la ristrutturazione in stile barocco termina nel 1672. Oltre all'altare maggiore in marmo di botticino, essa era arricchita da vari altari laterali dedicati al Santissimo Sacramento, Sant'Anonio, San Sebastiano e al Santissimo Rosario. Accanto alla chiesa attuale fu edificata nel 1707 la chiesa della Confraternita del Suffragio. Completamente spoglia al suo interno, possiede un campanile che termina con una caratteristica cupola arabeggiante in bronzo alla cui estremità si trova una piccola bandiera segnavento.

SAN GIOVANNI BATTISTA

San Giovanni è l'unico santo di cui si festeggia la nascita il 24 giugno, e la morte il 29 agosto. Questa data venne stabilita quando i cristiani per contrastare la festa pagana del Dio Sole indicarono il 25 Dicembre come il giorno della nascita di Gesù Cristo. Quando la Vergine Maria visitò Elisabetta, sua cugina era già in cinta di 6 mesi: venne allora scelto il  24 giugno come il giorno natale del Battista. Figlio di Zaccaria ed Elisabetta, ancora giovane si ritirò per alcuni anni nel deserto nutrendosi di locuste e miele selvatico. Nell'anno '29 d.C., riapparve sul Giordano predicando il battesimo di conversione per il perdono dei peccati e annunziando l'arrivo del Messia. Il Vangelo di Marco ci racconta che venne fatto arrestare da Erode, accusato di adulterio dallo stesso predicatore, il quale, temendolo, non accolse tuttavia la richiesta della moglie Erodiade che lo voleva far giustiziare. Erodiade convinse la figlia Salomè a ballare per il patrigno e a chiedergli, come ricompensa, la testa del prigioniero.

 
Sito della Parrochia di Rezzato realizzato da Davide Bolchi